11-12 aprile 2011 III Seminario di Formazione Docenti ANISA-Musei Vaticani

L’evento sarà presentato da Antonio Paolucci (Musei Vaticani), Maria Maddalena Novelli (USR Lazio) e Clara Rech (ANISA)

Il seminario, promosso da ANISA e Musei Vaticani, vedrà la partecipazione di esperti italiani e stranieri sul tema della didattica museale e della pedagogia dell’arte. Agli interventi di carattere storico sulla funzione educativa del museo, seguiranno contributi incentrati sulle potenzialità dell’utilizzo degli spazi espositivi nella contemporaneità. La dimensione internazionale e l’apertura alle nuove  tecnologie costituiranno un aspetto caratterizzante dell’incontro, anche grazie alla collaborazione con il progetto europeo ITEMS, coordinato da ANISA nell’ambito del programma Leonardo da Vinci.

Obiettivo primario del seminario è quello di sensibilizzare gli insegnanti e gli operatori didattici sul tema della sinergia tra scuola e spazi di apprendimento non formale ed informale, attraverso un confronto fruttuoso sugli strumenti e i contenuti dell’educazione all’arte.

Relatori: Irene Baldriga e Clara Rech (ANISA), Anikò Illes (Budapest, MOME), Frédérique Lesueur (Louvre, Parigi), Daniela Maggiori (MACRO, Roma), Ilaria Mascitti e Cristina Stefanelli (FOR.COM.), Maria Paola Masini (Galleria degli Uffizi, Firenze), Jean-Miguel Pire (INHA, Parigi), Chiara Panciroli (Università di Bologna), Pier Paolo Racioppi (IES, Roma), Carlo Tamanini (MART, Rovereto), Maria Serlupi Crescenzi (Musei Vaticani), Umberto Utro (Musei Vaticani). Altri interventi da definire.

E’ prevista un’attività laboratoriale per i partecipanti, a cura di Alessandra Petrone (ANISA) e dei Musei Vaticani

11-12 aprile 2011

III Seminario di Formazione Docenti ANISA-Musei Vaticani

“Il Museo come Spazio di Formazione”

in collaborazione con ITEMS project

Per i docenti partecipanti è previsto l’esonero dal servizio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.